Rubriche

PRANZO SANO FUORI CASA

Il cavolfiore che meraviglia!

21-11-2016

Frutta e verdura del gruppo BIANCO riducono il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, oltre a rinforzare il tessuto osseo e i polmoni.
Tipico di questo gruppo di frutta e ortaggi è il contenuto di quercetina, sostanza che si è dimostrata molto utile nella prevenzione di diversi tumori, e di particolari fitonutrienti (isotiocianati) che sembrano prevenire l’invecchiamento cellulare.
Gli alimenti del gruppo BIANCO sono una vera miniera di salute per la ricchezza in fibra, sali minerali (soprattutto potassio, il cui consumo è protettivo del tessuto osseo e previene le patologie...

PRANZO SANO FUORI CASA

Più attività fisica: più salute e benessere

05-06-2015

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per attività fisica si intende “qualunque sforzo esercitato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un consumo di energia superiore a quello in condizioni di riposo”. In questa definizione rientrano quindi non solo le attività sportive ma anche semplici movimenti quotidiani come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici. La sedentarietà è un fattore di rischio per le molte malattie, quindi un’attività fisica regolare è uno degli elementi più importanti per mantenersi in...

PRANZO SANO FUORI CASA

Grassi: suggerimenti per l'uso

19-05-2015

Modera la quantità di grassi ed oli che usi per condire e cucinare. Preferisci  modalità di cottura che comportano l’utilizzo di un minore quantitativo di grassi (cotture al cartoccio, forno a microonde, cottura al vapore, ecc).

Limita il consumo di grassi da condimento di origine animale (burro, lardo,strutto, panna, ecc.). Tutti i formaggi contengono quantità elevate di grassi di origine animale

Preferisci i grassi da condimento di origine vegetale,  soprattutto l' olio extravergine d'oliva. Usa i grassi da condimento preferibilmente a crudo ed evita di riutilizzare i grassi e gli...

PRANZO SANO FUORI CASA

Meno sale, più spezie

29-04-2015

Ogni giorno l'adulto italiano ingerisce in media circa 10 g di sale (cioè 4 g di sodio), quindi molto più (quasi dieci volte) di quello fisiologicamente necessario. Riduci progressivamente l’uso di sale sia a tavola che in cucina e preferisci al sale comune il sale arricchito con iodio (sale iodato). Limita l’uso di condimenti alternativi contenenti sodio (dado da brodo, ketchup, salsa di soia, senape, ecc.) Insaporisci i cibi con erbe aromatiche e spezie come aglio, cipolla, basilico, prezzemolo,rosmarino, salvia, menta, origano, maggiorana, sedano, porro, timo, semi di finocchio) e...

PRANZO SANO FUORI CASA

Zuccheri e carboidrati: caratteristiche

29-04-2015

Carboidrati, zuccheri, glucidi, glicidi, idrati di carbonio o amidi - tutti termini che puoi trovare in etichetta - sono essenzialmente la stessa cosa.

Hanno un ruolo importantissimo per la nostra salute perché sono una delle principali fonti di energia utilizzata dagli esseri viventi.

Tipologie di zuccheri:

Zuccheri semplici: dolce energia subito pronta. Sono gli zuccheri più "semplici", da un punto di vista chimico, e sono caratterizzati dal sapore dolce.  I principali sono il glucosio o il fruttosio, contenuti nella frutta e nel miele, il saccarosio (che è il comune zucchero da...

PRANZO SANO FUORI CASA

5 consigli per stare in forma

14-04-2015

Seguire questi 5 semplici consigli ci aiuta a migliorare il nostro stile alimentare.

Ricorda di consumare:

1. cinque pasti al giorno: tre pasti principali intervallati da due spuntini. Importante è la prima colazione, con latte o yogurt, cereali e frutta.

2. almeno cinque bicchieri d’acqua al giorno:di più se fa caldo, se si pratica sport o in caso di febbre.

3. almeno cinque volte a settimana tra pesce e legumi: il pesce, soprattutto quello azzurro, è ricco di grassi omega3, protettivo contro le principali malattie cardiovascolari. I legumi forniscono proteine di buona qualità e...

PRANZO SANO FUORI CASA

Olio di oliva

08-04-2015

L’olio di oliva è particolarmente ricco di acidi grassi monoinsaturi soprattutto acido oleico: Diminuisce la frazione cattiva del colesterolo (LDL), lasciando inalterata quella buona (HDL). L’olio di oliva può arrivare alla temperatura di frittura senza bruciare, ossia senza raggiungere il punto di fumo, che per una sostanza grassa corrisponde alla temperatura critica che rende saturi i lipidi. Per questo l’olio extravergine di oliva costituisce uno dei migliori grassi per la frittura, in quanto questa sua temperatura critica è di 210-220°C. Dato che le fritture solitamente non...

Video