Porro

Il porro (nome scientifico Allium Porrum) è una pianta erbacea biennale, che presenta un bulbo cilindrico fusiforme appena rigonfio, di diverse misure a seconda delle varietà. Conosciuto fin dall’antichità, il porro era utilizzato dall’imperatore Nerone, che lo assumeva a giorni fissi accompagnato da olio di oliva, per curare la propria voce. Del porro si utilizza la parte inferiore bianca.
È bene acquistarlo e consumarlo fresco altrimenti acquisisce un sapore acre.

Consigli per l’acquisto e la conservazione

Il periodo più indicato per l’acquisto va da settembre ad aprile.
Sono da preferire i porri con gambi ben sodi, diritti e sormontati da un ciuffo di foglie turgide e di colore verde scuro. La presenza di foglie ingiallite o avvizzite è segno di scarsa freschezza. Si conserva in frigorifero, fino ad una settimana, avvolto in un canovaccio inumidito. È ottimo nelle zuppe, in frittata o stufato, in risotto o con la polenta; tagliato in sottili rotelline può essere consumato anche crudo in pinzimonio o utilizzato per guarnire e aromatizzare insalate.
Se utilizzato crudo in insalata, va tagliato al momento altrimenti tende a ossidarsi molto velocemente se esposto all’aria.

Caratteristiche nutrizionali

È ricco soprattutto di calcio, fosforo, ferro, zolfo e magnesio.
Le foglie verdi presentano un buon contenuto di vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B (29 kcal / 100 g).

Minestra di farro e porri

Ingredienti

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

• 300 g di farro
• 2 porri
• 150 cl di brodo
• Formaggio grattugiato
• 2 cucchiai di olio d’oliva
• Sale
• Pepe nero

Piatto ben equilibrato che può anche costituire un piatto unico nell’ambito della ristorazione veloce aggiungendo della frutta.

In una pentola scaldate due cucchiai d’olio e lasciatevi appassire la parte bianca dei porri tagliata a rondelle sottili.
Quando hanno preso un leggero colore dorato aggiungete il farro, poi versate il brodo, salate e cuocete a fiamma bassa per un’ora e mezzo.
Assaggiate prima di togliere dal fuoco perché il farro deve essere assolutamente ben cotto.
Versate la minestra in una zuppiera, cospargetela di formaggio grattugiato e aggiungete il pepe nero macinato al momento.